Saturday, March 31, 2012

..aNZIO x nOI, oVVERO: cOME tI fINISCE L'INVERNALE e tI pARTE lO zONALE!


Come riportato anche dal PresdelCons. in Cina, durante la visita istituzionale in corso, ad Anzio, non in Cina, domenica scorsa, è cominciato il CampZonale 2012 della beccaccia quartazzonara!

La mia, di zonale, è cominciata il sabato precedente, a Bracciano, dove andiamo ad agganciare un biplano da portare ad Anzio, per la transumanza che seguirà lo Zonale, e mi ritrovo a volere portare via con me il bellissimo pastore tedesco che è succeduto alla povera Camillona, nel gironzolare per l'AVB.

Arrivo ad Anzio e mi trovo il Segretario Nazionale in mezzo alla strada.. ma perdo l'attimo, e nn riesco ad acciaccarlo, ach!!

Intanto s'è fatta sera e con la sera sono arrivati anche i Cicci's.. in realtà non volevano venire, millantando una roba tipo un corso prematrimoniale.. o di cucina.. non saprei..solo il Segretario Zonale ha fatto il tipo di telefonata: se nn arrivi entro 30 minuti ti tolgo la delega, e la dò al primo snipista che mi trovo davanti.. e poi mi ha passato al telefono il Cicciolato zonale.. il quale, non so se più per timore di vedersi scicciolato, o di vedere me nei panni del primo snipista che mi trovo davanti (che piuttosto  cambierei sesso), ha comprensibilmente mandato ramenghi il prete, lo chef, o quel che fosse, e si è catafiondato in quel di Anzio ad una velocità tale che i cerchi del Qubo erano rosso incandescenti.

Raccattati i presenti ci si è andati a scolare qualcosa, Serena un gelato, come profilassi post-influenzale.. solo non è che abbia avuto proprio il genere di effetti auspicati, mentre la cena si è consumato nell'ottimo ristorante del TevereRemo (perdonate che non metta il nome del circolo per esteso.. ma rischierei di slogarmi la tastiera), dove di fronte all'eventualità di un pasto privo di carboidrati, il Segretario Nazionale ha tenuto una, letteralmente, piazzata, sostenendo che di andare a nanna, senza previo piatto di pasta, non se ne parla, cribbio!



Poco dopo in realtà ha anche aggiunto: a nanna, prima di un gelato, non se ne parla, cribbio!


La nanna, coadiuvata dalla passeggiata post prandiale+gelato, è andata meglio delle aspettative.

La camerata della foresteria era semi-deserta, a me è bastato risolvere un dislivello sotto una zampa del letto a castello di ca. 3cm (in caso contrario probabile il ribaltamento) che il Segretario già ronfava beato.. e con la scusa mi sono anche risparmiato di dovergli dare il bacio della buona notte.

La nanna è andata bene anche perchè ero sfiancato, tanto da non prestare nemmeno tanta attenzione alla decina di tardo-arrivati, tra ragazzini e allenatori, fascino discreto di ogni foresteria.

Un po' più traumatico il risveglio: con un ventilatore a pale da soffitto acceso accidentalmente (credo) che ricreava condizioni da Volvo Ocean Race, mentre il Segretario ghignava beato da sotto il letto a castello di fianco.. per un attimo ho temuto di essere trapassato nel sonno.. come inferno la scena poteva essere credibile.. certo mancavano Cicchitto, Calderoli e la Santanché, ma anche così!

Bellissima Anzio di prima mattina: sole tiepido, paese deserto, bar pieno di robe deliziose appena sfornate.. tant'è che ne ho dovute prendere due.

Tornati ai piazzali i primi arrivi, ed il tutto si anima rapidamente, arriva pure la mia prodiera, che millantava un viaggio in treno sul locale da Termini ad Anzio, una roba tipo Mumbai-Nuova Dheli, che invece le è andata di lusso, con sgancio esattamente davanti alla foresteria del tevereremo.

Tiriamo su le vele, ci iscriviamo..



..compriamo le gelatine di frutta, insomma le solite cose, mentre il Cicciolato, in modalita CicciolatoVasaVasa, saluta e bacia.. TUTTI, compresi alcuni carrelli stradali dismessi e rottamati dietro la LNI, una Star mal in arnese, un platano, alcune pile di cordame, il monumento in memoria dello sbarco degli alleati, una baguette alle cozze e porchetta, una cornucopia priapica crisoelefantina, due drag-queen a fine turno, ed un Land Cruiser 3 porte..
il Segretario Nazionale intanto non sta a pettinare i criceti, preferisce infatti i passerottini: per l'occasione è a bordo della Kobaiashi Maru, armata dal più pennuto della IV Zona, e familiarizza con lo stesso sfoggiando copricapi di dubbio gusto e sfregandosi l'ombelico.. sull'ombelico del passerotto, non sul copricapo, nel rispetto di un rituale aborigeno che ignoro..



..e che preferisco continuare ad ignorare.

Al momento di andare in acqua il vento più prossimo del quale si abbia notizia è nel Mare d'Alboran, ovunque questo si trovi, tanto che ci possiamo permettere un'uscita in retromarcia con doppio-axel finale per evitare una trappa, che invece Ruby..


..centrerà quasi fuori dalla sacchetta, vergognonandosi peggio che se avesse (ri)votato per il NanoInfoiato!

Fuori dalla sacchetta c'è anche meno aria che dentro, in compenso la giornata è splendida, primavera piena.



Ce ne andiamo a giro portati dalla corrente finchè qualche refolino di una sedicente termica (al golfo di Anzio bastano 2 fotoni per metterne un po') ci fa derivare verso la barca comitato, uscita nel mentre, ed alcuni ciuffetti di vapore, evidentemente (col senno di poi) non trascurabili, vanno levandosi a sud dei Castelli, ancora nascosti dalla foschia.

La termica a stendersi ce ne mette, e quando comincia a farlo arrivano i 555, che ancora non sono stati inclusi nel trattato che vieta l'uso di armi non convenzionali, e mine vaganti.

La prima partenza vede la linea leggermente sbiega in boa, noi non abbiamo la bussola, ma la magnetite all'interno della mia prodiera non dà adito a dubbi.. meno ancora me ne vengono quando noto il Segretario infilarsi lo spray-top (per proteggersi dagli schizzi di sangue) e guidare da quella parte un pennuto quanto mai resistente a partire in boa e forzare l'intera armada mure a sx.

Partiamo a metà linea, metà verso la boa, e tutto sommato partiamo bene, cosa che genera nel mio subcosciente l'accensione simultanea di tutti i possibili allarmi.. il problema, col subcosciente, è che in quanto tale si tende a dargli poco credito, soprattutto quando si è distratti da altro, tipo cercare di far camminare un frigorifero a vela disegnato nel '29, in condizioni invise (a me) ossia una diffusa e generale bafagnazza maledetta..

A onor del vero, come avremo riprova poi, il primo pezzettino a sinistra ci stava tutta, solo che col senno di poi, quello che riempie fosse e fosse e fosse, ci stava decisamente di più il primo pezzettino a sx e poi via di corsa tutti sul lato opposto, dove sono andati in realtà 3/4 dei beccaccini, in primis il pennuto ed il segretario nazionale, ritrovandosi puntualmente un gozzilione di lunghezze avanti a noi, non solo le due silfidi ma anche tutti gli altri 3/4.

Alla boa di bolina l'entità della minchiata (nostra) splende in tutta la sua abbacinante magnitudine, non possiamo che incassare e, cercando di tenere le madonne al loro posto, ci gettiamo all'inseguimento.. che detta così sembra facile, ma il vento continua ad essere leggerissimo, e la scena che ci si presenta contribuisce a fare saltare le madonne come triglie al forno: Roberto e Angela, quando ci incrociano avanti, fanno finta di nulla.. in realtà Angela, che guida, fa finta di nulla.. Roberto non ci riesce, e per celebrare il momento accende il mezzo toscano che è solito masticare spento, e se lo spegne nell'interno gomito per la gioia!!
Von Tissel, altro utilizzatore finale di mezzi toscani, il sigaro a momenti se lo mangia, mentre il ghigno malefico di Decoupage è talmente ampio che a momenti gli si ricongiunge dietro la nuca!

In poppa non c'è di che fare le fiamme, ma cerchiamo di tenerci puliti, assieme ai Cicci, sempre più in modalità "mare-sapore-di-maaare(..)" e al Meriggi, tornato finalmente allo snipe per mondare una parentesi invernale sul J24, ce ne andiamo a sx (guardando dalla partenza), e alla boa in fondo siamo se non altro riusciti a riassorbire il gap sul grosso della flotta.

La bolina vede la flotta aprirsi, quelli avanti, salvo tsunami, sono fuori gittata, ma il gruppo cerchiamo di raggranellarlo un incrocio alla volta, e quasi in cima alla boa siamo di nuovo della partita.

In poppa ci giochiamo l'ultima possibilità, ma non esce il nostro numero, davanti a noi, sempre più vicino, ma mai in pericolo, Vanda sembra abbia la testa montata su un perno, tanto si gira indietro. In un primo momento penso che si stia guardando dalle coperture, poi realizzo che sta invitando tutti ad apprezzare le rotondità del suo novo, fiammantissimo, fiochetto North JPN triradiale, che gli imprime momenti di accellerazione tipo MotoGP a momenti di.. diciamo.. diciamo che in certi momenti pare che Vanda non riesca ancora a mettere a frutto tutte le potenzialità del fiammante fiocchetto, ecco..

Come felice consuetudine del CdR Anzioso, l'attesa tra le due prove è brevissima.

Al momento dell'avvio della seconda procedura il vento è aumentato.. forse di 1m/s.. ma solo nei momenti di maggior gloria.. chissà che fine hanno fatto quelle belle libbecciate anziose!

Decido di rimanere col set-up full-sbragato, e per una volta quasi ci piglio.

Il vento nel mentre ha fatto come la Spagna: è andato platealmente a destra, ma sembr già pentirsene. Il CdR ha proditoriamente spostato la boa di bolina e tirato su quella di partenza, insomma ha spostato il campo.

Noi si parte a mezza linea, liberi, stranamente veloci, c'è un pure un richiamo individuale, ma sono abbastanza sicuro che non possiamo essere noi, e tiriamo via dritti.. sperando di non essermi abbastanza sbagliato.

'Sta volta facciamo quello che avremmo dovuto fare anche prima: ci tiriamo su quel tanto, e come siamo liberi andiamo a dx, attaccati alle sottane di quelli andati a destra subito.

Nonostante la poca aria (la prodiera raramente si affaccia sopravvento) ci sembra di riuscire a guadagnare qualcosa, fino alla lay di dx, che ci guardiamo bene da superare.

Alla boa siamo attaccatti ai primi 3, a loro volta attaccati tra loro, lo Smilla, stupito della cosa non meno dello scrivente, con una faccia quale avrebbe se si fosse trovato di fianco un galeone spagnolo del XVI secolo, mi chiede apertamente spiegazioni di cotanta inconsuetudine, e cerco di tranquillizzarlo come posso assicurandogli che la nostra presenza lì, con la snipearistocrazia, non solo è inconsueta ma è anche assolutamente incidentale, e sono lì pronto a metterglielo nero su bianco che parte la discesa verso la boa di poppa, con loro più sulla dx (guardando sempre dalla partenza) e noi più sul centro.

L'impressione è che riusciamo a scendere almeno come loro, anche se la tentazione di scendere a spingere è forte, poi verso l'ultimo terzo del lato, esce finanlmente il nostro numero: su un accenno di sx noi, che siamo quelli più a sx, strambiamo subito. Quelli sulla dx, che si sono un po' impacchettati, con lo Smilla che li intrattiene proiettando quelle 4-500 slide che ha sempre con se sulla Conduzione notturna del SunFish in acque interne, fanno per rimanere lì, mentre RobertoT e GiuseppeB li hanno riacchiappati e noi cerchiamo di sfilare in punta di piedi verso la boa in modalità stealth.

Alla boa lo sfilamento ci ha pagati quel tanto da poter girare con calma e scegliere da che parte andare.

Bordeggiamo sulla dx, mentre gli inseguitori, eccetto Maurone e GiuseppeN ed i soliti velocissimi juniores (RobertoT e GiuseppeB), si tengono più a centro del campo.

A metà bolina è chiaro che RobertoT e GiuseppeB sono i più veloci del mazzo, noi compresi.

Confidando nel consueto destro dalle parti della boa ci mettiamo sotto la lay, mentre gli juniores si mettono più alti.. 'sta volta però il dx in boa latita, e noi siamo costretti a stoccare per prendere la boa.. ci starebbe forzargli l'incrocio sotto la prua, ma siamo stretti, e preferisco sfilare a poppa.

Alla boa siamo lì, con gli inseguitori non abbastanza lontani.

In poppa con poca aria, con RobertoT e GiuseppeB c'è solo da perdere acqua, ed invece con sommo stupore non riescono ad andarsene.. non che si riesca ad andarcene noi, ma visto che di solito, in condizioni simili, non resta che salutarli per poi rivederli dopo l'arrivo, il fatto di riuscire a non farci seminare ci rende non poco contenti.

La poppa fila via senza scossoni. Noi più al centro, loro più sulla dx, se ci fosse il sx come nella prima poppa magari.. ma il sx non c'è, se non un accenno, noi ci strambiamo, ma non basta, loro strambano per incassare la boa, e via così sull'arrivo, mentre dietro la FDZ, con a prua il redivivo panzonemaladetto (aka IlCekka), mettono in scena il giochetto che tante volte abbiamo fatto col panzone quando era prua del palindromo: scivolano strapoggiando tanticchia alla volta, e dopo un recuperone inverosimile, riescono a riagguantare la quarta posizione sull'arrivo, e con quella a chiudere matematicamente in testa il saldo delle prime due prove del CampionatoZonale.. magari non è chiaro, ma senza nulla togliere al panzone, la FDZ s'è messa al timone di un beccaccino l'autunno scorso, proprio nella palestra di Anzio, e dopo quache mese eccola qua sul gradino più alto delle prime due prove dello Zonale (e dell' overall dell'Invernale..)..


..tanto per gradire..

Sfiliamo verso terra mentre quei discreti fiocchetti che al mattino salivano dietro ai Castelli, sono diventati un nero pestone, che dopo aver fatto singhiozzare la termica tutto il giorno, sembrano proprio decisi a venirci a trovare.

A terra l'atmosfera è rilassata e sbragata, nonostante la fretta di caricare le barche sugli stradali, come  si conviene in una bella festa, impagabile, come al solito, l'operato di Ivano, Stefano e Francesco, della LNI, che tirano tutti a terra senza colpo ferire.

Mentre stiamo a lavare le barche, arriva anche il groppo, il vento salta di 180° e per qualche minuto fa sibilare il sartiame.. se solo fosse arrivato un'oretta prima.. ah! se solo un'oretta prima.. my precious..

A seguire premiazioni di Zonale..


..GiuseppeB&RobertoT, secondi nelle due prove dello Zonale..


..lo Smilla&Simone, appena tornati in acqua, già terzi.. 


..e anche dell'Invernale, nella sala della Lega, a seguire estrazione a sorte di 3 fiocchi, un gioco completo ed un set di sacche deriva e timone, tutto gentilmente offerto da Giorgio Scarpa della Murphy&Nye..


..che era anche in acqua col suo splendente beccaccino.. 



..il tutto mentre il Cicciolava sfoderava un bellissimo pile bianco-immacolato (per ora) che lo rendeva terribilmente simile ad uno di quegli orsacchiottoni degli spot della CocaCola.

I fiocchi, estratti dalla First Lady, che per l'occasione anzichè regatare si è goduta la giornata in modalità armatrice, dalle assolate terrazze del circolo, se li beccano los Tocchio's, che hanno dimostrato tanta tanta velocità nell'ultima poppa, Roberto&Angela, che nella seconda prova sono tornati a terra col carniere pieno di belle prede, e la tevvibile Vanda, che forte di questo ennesimo bacio dalla Dea Bendata, a subito dichiarato:


Il set completo va al buon GiuseppeN, che ora gli manca solo la barca per mettersi in proprio.. anche se ha detto che le vele le userà col Maurone, suo timoniere.

Le sacche invece vanno ai Ciccis, col CicciolatoZonale vero artefice di questo Zonale e del sostegno che ci ha dato lo sponsor.. probabilmente gli avrebbe fatto più comodo un dissipatore per il suo cellulare, che ultimamente risulta leggerissimamente stressato da tutta l'attività di coordinamento&promozione della beccaccia zonale di cui il nostro si è fatto carico, ma va benissimo anche così.

Insomma anche questo Invernale ce lo siamo.. ma soprattutto è ripartito lo Zonale (compresi i copiosi piatti di pasta offerti dalla LNI a chiusura), ed è ripartito col botto, visto che abbiamo avuto in acqua 20 barche, quando il record del Nostro Zonale, al lago, almeno dopo il Cambriano, è fissato a 26!

Il prossimo appuntamento ora è per il 6 maggio, prossimo zonale, ovviamente al Lago, mentre la Classe migra da Anzio con un nuovo equipaggio, ossia il Pirata Billy Boa e Marcello,


non venendo meno alla sua conseuta e preziosissima funzione di "snipe-nursery".

Molto apprezzata dai locals la gita fuori porta del Segretario Nazionale e della First Lady, che si sono uniti a noi per l'occasione, ingenerando nel Passerottino la consapevolezza che si possa essere molto veloci anche con poca aria, anche pesando più di 200kG.. infatti i pesi che hanno dichiarato (90kg ciascuno..) il Segretario ed il Passerottino sono palesamente falsi, per difetto!

Pare anche il Segretario si sia invaghito della location, anche se, visto il poco vento, sarà stato colpito più dall'enogastronomia locale che dalle condizioni meteomarine.

La mia Zonale si è conclusa con il rilascio della prodiera, la quale al solito mostrava inequivocabili sintomi di confusione post regata..


Ora rimangono da traslocare le ultime barche, e poi salirà il sipario sul Lago, as usual.



..non prima che il CicciolatoVasaVasa abbia finito di ri-baciare tutti quanti, naturalmente!

Labels: ,

0 Comments:

Post a Comment

Links to this post:

Create a Link

<< Home